Comunicato Stampa R.N.Sori-R.N. Florentia

La R.N. Sori, nell’apprendere le decisioni e, soprattutto le motivazioni, espresse dal Giudice Sportivo in relazione ai fatti accaduti in piscina durante lo svolgimento della gara R.N.Sori-R.N. Florentia, affida il proprio smarrimento alle parole del suo ‘Presidente, Guido Polipodio:

Sono decisamente sorpreso ed amareggiato  dai commenti, ‘a latere’ della sentenza a firma del Giudice Pascerini , sottolineature e punti esclamativi inusuali e decisamente evitabili;  con essi il Giudice  clamorosamente  fa intendere di attirbuire ai dirigenti di società (non solo della RN SORI )  poteri agli stessi preclusi per legge di Stato, creando un pericoloso  precedente.

Evidentemente si  ignora che noi non siamo pubblici ufficiali e che legislativamente non abbiamo l’autorità di evitare a chicchessia l’ingresso in un luogo pubblico quale è la tribuna  di un impianto sportivo aperta per un evento sportivo per di più neanche a pagamento .

Ad inizio gara in piscina erano  regolarmente presenti le Forze dell’Ordine, delle quali (noi, sì) ripettiamo lavoro e giudizio; la valutazione espressa dalle stesse, essendo (loro, sì) presenti ‘in loco’, è stata evidentemente difforme da quello di chi ha ispirato (arbitri e commissario) e di chi a Roma commenta (Giudice), addossando  responsabilità e colpe a chi dovrebbe esserne invece sollevato per legge, palesando poca obiettività analitica.

Gli autori di questa decisione hanno  fallito invece  un’ imperdibile occasione per evidenziare, all’interno di un brutto e assolutamente giustamente  condannabile episodio, il comportamento di volontari che, come si è visto chiaramente in diretta televisiva, si sono adoperati oltre ogni limite per fare tutto ciò che era consentito fare, nel rispetto dei limiti concessi dalla legge, fornendo, per contro gratuitamente, facili e sbaglati commenti…con ciò dimostrando di penalizzare l’operato della società, ignorando i reiterati sforzi della stessa per evitare il peggioramento della situazione in atto, attraverso l’opera dei suoi collaboratori, riscontrabili in tutte le riprese televisive!

Non contesto, quindi assolutamente  il contenuto del provvedimento, ancorchè la multa di 3000 Euro mi faccia sorridere, solo che si pensi quale accorgimento correttivo possa produrre…, ma sono profondamente dispiaciuto per tutti i commenti espressi davvero con eccessiva superficialità .

Personalmente invece difendo con forza  ed esalto il comportamento dei miei collaboratori che ringrazio pubblicamente e che andrebbe valorizzato dalla FIN che tra l’altro era molto bene rappresentata in quel giorno,  anzichè minimizzato o deriso con simile leggerezza, si è scelto  un modo molto brutto per chiudere un brutto episodio “

aprile 27th, 2016|news|

Questo sito utilizza cookie anche di terzi per fornirti indicazioni utili alla navigazione maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi