SCONFITTA DI MISURA DELLA UNDER 20 NELLA PRIMA PARTITA DI SEMIFINALE

Campionato Nazionale Under 20 Semifinali di Bogliasco

R.N. Bogliasco- R.N. Sori 6-5 (2-2; 1-1;0-2;3-0)

R.N.Bogliasco: Pellegrini, Azzarini, Brambilla, Gavazzi 5, 1 rigore, , Congiu, Bianchi 1, Guidi , Tamburini,, Ieno, Prian, Puccio , Greco, Caliogna.All. Guidaldi

R.N. Sori: Massaro, Ferrero 1, Gandini 1, rig, Benassutti, Viacava, Bianchetti, Pasotti, Percoco, Penco, Manzi 1, Barattini 1, Gualdi 1, Cavassa. All. Iarossi.

Arbitri: Piano (Ge), Sponza (Ge)

Superiorità numeriche Bogliasco 1/9 + 1 rigore ,Sori 1/5 + 1 rigore
Espulsioni definitive nessuna

Spettatori 500

Partita dal sapore totalmente diverso dalla precedente quella fra due avversarie tradizionali a livello giovanile, con la piscina di Bogliasco ricolma di spettatori appassionati e caldi.

Dopo tre minuti senza storia ed equilibrati, il Bogliasco passa al primo tentativo: Bianchi all’out destro tiene a distanza Gandini e serve Gavazzi che fulmina Massaro.
Il Sori reagisce e passa a condurre: pareggia Manzi che si inserisce sulla corsi destra e incrocia con il suo sinistro Pellegrini, poi,  nell’unica superiorità concessa, Ferrero addomestica la palla al limite dai due metri e batte Pellegrini.

Il Bogliasco ricerca il pareggio, ma fallisce le prime tre superiorità (una per un recupero eccellente di Manzi). Ci riesce a 3 secondi dalla sirena con la quarta (nel pozzetto Pasotti per trattenuta in ripartenza) e sul tiro forzato di Gavazzi, quasi sulla sirena, Massaro non riesce ad evitare.

Palo prima e traversa dopo salvano Massaro da due azioni consecutive del Bogliasco in inizio di secondo quarto; sulla ripartenza Gualdi, coast to coast, segna il 3-2 per il Sori. Massaro salva di testa il momentaneo vantaggio ad uomo in meno miracolosamente, facendo esplodere la piscina di parte sorese, ma nulla può sul 3-3 grazie al tiro di Gavazzi, pochi secondi dopo che il Bogliasco aveva ancora sprecato l’ennesimo ‘uomo in piu’ (1/6 a questo punto.)

Entusiasmante la terza frazione, tiratissima , con occasioni per entrambe. La più clamorosa è per Gavazzi in controfuga, ma ancora una volta un Massaro in stato di grazia dice no in posizione di uno contro uno. Non sbaglia invece Barattini che in controfuga sul out destro si accentra, aggancia e supera Pellegrini in colomba, con un numero spesso attuato negli allenamenti.

Galvanizzato, lo stesso, in altra  controfuga serve Penco al centro sul quale Gavazzi commette fallo da rigore; trasforma il cinque metri Gandini. Primo doppio vantaggio del Sori, con cui si chiude il terzo tempo. 3-5

Grandissimo tifo dei tifosi soresi.

Riapre le danze ancora Gavazzi, il più esperto dei biancozzzurri, come il quartetto Manzi-Gandini-Massaro-Ferrero lo è per i biancogranata, che porta il Bogliasco a – 1. Una super difesa del Sori nega il pareggio agli avversari in altrettante inferiorità numeriche.

Ma il Bogliasco raggiunge il pareggio con Gavazzi (al suo quinto goal personale) su tiro di rigore per un fallo di Massaro che spruzza l’acqua all’avversario.

Iarossi sceglie la soluzione del doppio mancino, ma è il Bogliasco ad avere il colpo di fulmine. Controfuga di Bianchi, Manzi scala, ma rimane a metà strada, il mancino fa scendere Massaro e lo fulmina dai due metri. 6-5 e mancano 50 secondi al termine. All’ultimo secondo c’è ancora un palo clamoroso del Sori che vanifica il pareggio,  forse più giusto. Ma è il clamoroso parziale di 3-0 per i bogliaschini quello che decide una gara bellissima per intensità e bellezza come spesso non si vede nemmeno in A1.

Le dichiarazioni del dopo partita.

Marzo Polipodio, team manager Sori:

“I ragazzi hanno giocato una grande partita, ma come al solito sono stati impossibilitati alla vittoria dall’arbitraggio di Piano. Ancora una volta ha dimostrato di essere bravissimo a farci perdere in maniera che ha addirittura innervosito il suo collega. Avevamo chiesto espressamente di non mandarcelo più, ma ce lo siamo trovato in una semifinale nazionale. Peccato è un bel torneo, è stata una bella partita.”

Please follow and like us:
giugno 20th, 2016|news|