Sabato 10 Aprile il Sori a Verona affronterà il Padova, battuto all’andata ma cresciuto da un punto di vista della preparazione fisica, pur rimanendo fanalino di coda. Si giocherà alla Piscina Montebianco alle 12.30, arbitri Camoglio e Fusco.
Padova e Sori distano 5 punti in classifica ma l’unico punto conquistato finora dai veneti va letto considerando anche diversi fattori.
I ragazzi di Garibaldi per ora non hanno potuto ancora disporre del loro spazio acqua e, allenarsi in vasca da 25, in poche corsie, non permette a una squadra di prepararsi a dovere. I risultati negativi del girone di andata sono per lo più frutto di questo, contando che in molte gare i patavini avrebbero meritato anche qualcosa in più. L’ultimo pareggio con Torino ha ridato fiducia al gruppo e consapevolezza nei propri mezzi, per questo motivo la Rari Nantes Sori sabato troverà di fronte una squadra affamata e in cerca di risultati positivi per risalire la china e ottenere un miglior piazzamento in chiave play out.
Squadra fisica, che non molla mai, queste le due caratteristiche principali degli avversari. Per il Sori l’obiettivo è dimenticare il terzo tempo giocato contro il Torino perché, così remissivo e disattenta, la compagine di De Ferrari può cedere il passo a chiunque. Servirà la concentrazione di una gara secca, fondamentale per entrambe, che nel caso di conquista dell’intera posta in palio, allontanerebbe ulteriormente le inseguitrici. Certo la partita dell’andata non farà testo, perché i tempi sono cambiati sia per Padova che per Sori, con più tempo per allenarsi e per calarsi in questo campionato. Chi concederà di meno e userà di più la testa la porterà a casa.